CO.B.RA: Progetto di Ricerca per la Conservazione dei beni culturali tramite radiazioni e tecnologie abilitanti

Il progetto di responsabilità ENEA è finanziato dalla Regione Lazio. Mira alla valorizzazione delle capacità di ricerca ENEA nell’applicazione di Radiazioni (ionizzanti e non) e di tecnologie abilitanti, a supporto dell’innovazione della filiera produttiva (PMI) dei Beni Culturali.

Vai al Sito di progetto

Vai al Virtual Lab

Soggetto attuatore: ENEA (attraverso le Unità Tecniche: FSN-TECFIS presso il Centro Ricerche di Frascati; SSPT-USER-SITEC presso il Centro Ricerche di Casaccia; DTE ICT presso i Centri Ricerche di Frascati e Casaccia; STUDI presso la sede centrale di Roma).

Finanziatore: Regione Lazio Lr 13/2008 - progetto in risposta all’avviso Pubblico “progetti di ricerca presentati da Università e Centri di Ricerca”

Durata del progetto: 2 anni

Inizio: 21 luglio 2015

L’obiettivo generale è la diffusione ed il trasferimento alle PMI (operanti nel settore dei beni culturali) delle competenze ENEA e degli strumenti avanzati di diagnostica e di indagine, atte alla qualificazione dei materiali e all'identificazione dei trattamenti innovativi, finalizzati alla protezione e al mantenimento del patrimonio culturale.

Tale obiettivo si raggiunge attraverso le seguenti macro-attività:

  • Progettare e implementare un sistema informativo per facilitare l’accesso degli utilizzatori alle competenze scientifiche e tecnologiche dell’ENEA. L’operatività del sistema informativo si basa sulla:

- strutturazione delle informazioni sugli assets di ricerca e sviluppo del progetto: competenze tecnologiche; progetti; strumenti e attrezzature di laboratorio;
- realizzazione di un’infrastruttura HW/SW, basata sul paradigma del cloud computing, in grado di rendere disponibili servizi ed applicazioni ICT ad alto         valore aggiunto in modalità multipiattaforma.

  • Potenziare le funzionalità e le prestazioni dei laboratori e delle competenze ENEA, attraverso:

- l’adeguamento di strumentazioni e attrezzature di laboratorio a specifiche richieste del settore di mercato per renderle più idonee al trasferimento tecnologico;

- la realizzazione di azioni dimostrative che coinvolgono gli utenti finali, per conseguire l’accettazione piena delle tecnologie innovative considerate;

- l’inserimento di giovani talenti in progetti di ricerca aperti ad applicazioni innovative per l’intera filiera dei Beni Culturali (dalla conservazione alla fruizione);

- lo sviluppo della collaborazione tecnica con le imprese per una maggior integrazione pubblico-privato e per la partecipazione congiunta a programmi di ricerca nazionali ed europei.

  • Definire le modalità per agevolare l’accesso delle imprese ai laboratori e del personale di ricerca alle imprese, rendendo disponibili le proprie infrastrutture tecniche di eccellenza.

I risultati attesi:

  1. impattare significativamente sulla crescita di posti di lavoro qualificato e di competitività del sistema ricerca-industria a livello nazionale;
  2. migliorare, in qualità e quantità, la collaborazione che l’ENEA ha già da alcuni decenni coni principali generatori della domanda d’innovazione: le PMI fornitrici di prodotti e servizi basati sulle tecnologie proposte, e gli operatori istituzionali di settore (Soprintendenze).

Infine, tenuto conto del loro carattere trasversale, le metodologie e tecnologie considerate potranno  - a medio e lungo termine - contribuire a rivitalizzare anche altre filiere produttive ritenute strategiche dalla Regione Lazio, quali le Bioscienze, l’Aerospazio e le Energie Rinnovabili.

Responsabile scientifico del progetto: Dott.ssa Roberta Fantoni

Workshop di presentazione del Progetto